Molise
Regioni Italiane
Risorsa gratuita vers.BETA
Molise
Regioni



  Molise Carta d'identità
  Molise I Comuni
  Regione Molise carta d'identità
La regione corrisponde a grandi linee all'antico Sannio, la terra abitata dai sanniti, entrati in contatto con i romani nel VI secolo a.C. L'odierna denominazione, che è di epoca medievale, corrisponde a quella di un piccolo centro fortificato, situato in prossimità di Campobasso; comunque, tra l'XI e il XII secolo, il ducato del Molise era già solidamente attestato. Divenne regione autonoma nel 1963, anno in cui si divise dall'Abruzzo: è dunque la regione italiana di più recente istituzione.

Le Province della regione Molise
La provincia di CampobassoI comuni di Campobasso
La provincia di IserniaI comuni di Isernia
Molise Codice ISTAT: 14

Stato: Italia



breve storia della Regione  Molise:
Molte vicende storiche di questa regione sono legate a quelle dell'Abruzzo, per molti aspetti la storia ne risulta autonoma. Prima, ai tempi dei Romani, c'erano state le guerre sannitiche, poi le invasioni dei Longobardi, Bulgari e dei Saraceni. Nei primi anni del Cinquecento la regione fu aggregata alla Capitanata e Lucera ne fu la capitale. Fino al XVIII secolo il Molise visse in una grave disorganizzazione, in mano a baroni che non si preoccuparono minimamente dello sviluppo delle loro terre. Ma dopo l'occupazione francese nel 1806, Gioacchino Murat rese il Molise provincia autonoma, l'Unita d'Italia fuse Abruzzo e Molise in una sola regione fino al 1963, quando il Molise raggiunse definitivamente l'autonomia.
confini della Regione di  Molise:
Il Molise è affacciata per breve tratto a nord-est sul mare Adriatico, confina a nord-ovest con l'Abruzzo, a ovest con il Lazio, a sud con la Campania, a est con la Puglia. È ripartita nelle province di Campobasso e di Isernia; il capoluogo regionale è Campobasso. Il Molise, che si estende per 4438 km² e conta 330.900 abitanti, è la più piccola e la meno popolata regione d'Italia, dopo la Valle d'Aosta. Ha confini perlopiù convenzionali: i limiti fisici poggiano su un tratto del fiume Trigno, a ovest, e del fiume Fortore, a est, e su alcuni massicci degli Appennini, a sud.