Basilicata
Regioni Italiane
Risorsa gratuita vers.BETA
Basilicata
Regioni



  Basilicata Carta d'identitÓ
  Basilicata I Comuni
  Regione Basilicata carta d'identitÓ
La regione, che in epoca romana era chiamata Lucania dal nome della gente che la popolava, deriva la sua denominazione dai bizantini, che la conquistarono in epoca medievale e vi posero un funzionario governativo che era detto basilikˇs. Il termine antico di Lucania fu ufficialmente ripristinato per la regione tra il 1932 e il 1948, ed Ŕ rimasto a indicare il sistema montuoso che l'attraversa, cioŔ appunto l'Appenino lucano (vedi Appennini), nonchÚ la sua popolazione. Di forma irregolare, con le sue aperture marittime sulle quali non Ŕ mai sorto alcun porto, la Basilicata ha una collocazione geografica marginale rispetto ai centri propulsori della vita peninsulare italiana, chiusa com'Ŕ dalle regioni circostanti.

Le Province della regione Basilicata
La provincia di MateraI comuni di Matera
La provincia di PotenzaI comuni di Potenza
Basilicata Codice ISTAT: 17

Stato: Italia



breve storia della Regione  Basilicata:
Dai Bizantini ai Normanni la regione passa da popolo a popolo. Nel XII secolo giunsero gli Svevi, poi fu la volta degli Angioini. Nel Settecento, dopo la morte di Carlo II di Spagna, il Regno di Napoli pass˛ ai Borboni, che lo tennero fino al 1799, quando, in conseguenza della rivoluzione francese e delle conquiste napoleoniche, sorse la Repubblica Partenopea. Nel 1861 la Basilicata entr˛ a far parte del Regno d'Italia.
confini della Regione di  Basilicata:
La Basilicata si affaccia, ma solo per brevi tratti, su due mari, il mar Ionio a sud-est e il mar Tirreno a sud-ovest, mentre confina con la Campania a ovest, la Puglia a nord e a est, la Calabria a sud. ╚ ripartita nelle province di Matera e Potenza; quest'ultima Ŕ capoluogo regionale. La Basilicata si estende per 9.992 km▓ e conta 610.528 abitanti, Ŕ quindi una regione piccola e debolmente popolata: 61 abitanti per km▓, meno di un terzo della media nazionale. Ha confini quasi ovunque convenzionali, che d'altronde variarono sovente nel corso dei secoli; quelli segnati dalla morfologia in modo pi¨ significativo poggiano in parte sui fiumi Ofanto e Bradano (con la Puglia) e su alcuni massicci dell'Appennino lucano, tra cui il Pollino (con la Calabria).